◄ Fascicolo 44
Parte 2 ▲
Fascicolo 46 ►
Fascicolo 45

L’amministrazione del sistema locale

IL centro amministrativo di Satania è costituito da un ammasso di cinquantasette sfere architettoniche—Jerusem stessa, i sette satelliti maggiori ed i quarantanove subsatelliti. Jerusem, la capitale del sistema, ha quasi cento volte le dimensioni di Urantia, sebbene la sua gravità sia un po’ inferiore. I satelliti maggiori di Jerusem sono i sette mondi di transizione, ciascuno dei quali è circa dieci volte più grande di Urantia, mentre i sette subsatelliti di ciascuna di queste sfere di transizione hanno quasi esattamente le dimensioni di Urantia.

45:0.2

I sette mondi delle dimore sono i sette subsatelliti del mondo di transizione numero uno.

45:0.3

Questo intero sistema di cinquantasette mondi architettonici è illuminato, riscaldato, fornito di acqua ed alimentato di energia in modo indipendente dall’azione coordinata del Centro di Potere di Satania e dei Controllori Fisici Maestri, secondo la tecnica stabilita dell’organizzazione fisica e dei dispositivi di queste sfere espressamente create. Si prendono cura di esse fisicamente e le sostengono in altri modi anche gli spornagia nativi.

1. I mondi culturali di transizione

45:1.1

I sette mondi maggiori che ruotano attorno a Jerusem sono generalmente conosciuti come le sfere culturali di transizione. I loro governanti sono designati di tanto in tanto dal consiglio esecutivo supremo di Jerusem. Queste sfere sono numerate e denominate come segue:

45:1.2

Numero 1. Il Mondo Finalitario. Questa è la sede del corpo finalitario del sistema locale ed è circondata dai mondi d’accoglienza, i sette mondi delle dimore, totalmente consacrati al piano d’ascensione dei mortali. Il mondo finalitario è accessibile agli abitanti di tutti i sette mondi delle dimore. I serafini trasportatori portano le personalità ascendenti avanti e indietro in questi pellegrinaggi, che hanno il fine di coltivare la loro fede nel destino ultimo dei mortali di transizione. Sebbene i finalitari e le loro strutture non siano di solito percepibili alla vista morontiale, voi sarete più che emozionati quando, di tanto in tanto, i trasformatori dell’energia ed i Supervisori di Potere Morontiale vi renderanno capaci di dare un rapido sguardo a queste alte personalità spirituali che hanno effettivamente completato l’ascensione al Paradiso, e che sono ritornate sugli stessi mondi in cui voi state cominciando questo lungo viaggio come dimostrazione della certezza che avete la facoltà ed il potere di portare a termine questa stupenda impresa. Tutti gli ospiti dei mondi delle dimore si recano sulla sfera finalitaria almeno una volta l’anno per queste assemblee di visualizzazione dei finalitari.

45:1.3

Numero 2. Il Mondo Morontiale. Questo pianeta è la sede dei supervisori della vita morontiale ed è circondato dalle sette sfere sulle quali i capi morontiali preparano i loro associati ed assistenti, sia esseri morontiali che mortali ascendenti.

45:1.4

Passando per i sette mondi delle dimore voi progredirete anche attraverso queste sfere culturali e sociali di crescente contatto con la morontia. Quando avanzerete dal primo al secondo mondo delle dimore, vi sarà concesso di visitare la sede di transizione numero 2, il mondo morontiale, e così via. E quando vi trovate su una di queste sei sfere culturali, voi potete, su invito, visitare ed osservare uno qualsiasi dei sette mondi circostanti di attività collettive associate.

45:1.5

Numero 3. Il Mondo Angelico. Questa è la sede di tutte le schiere serafiche impegnate nelle attività del sistema ed è circondata dai sette mondi di preparazione e d’istruzione angelica. Queste sono le sfere serafiche sociali.

45:1.6

Numero 4. Il Mondo dei Superangeli. Questa sfera è la sede in Satania dei Brillanti Astri della Sera e di un vasto concorso di esseri coordinati e quasi coordinati. I sette satelliti di tale mondo sono assegnati ai sette gruppi maggiori di questi esseri celesti non denominati.

45:1.7

Numero 5. Il Mondo dei Figli. Questo pianeta è il quartier generale dei Figli divini di ogni ordine, compresi i figli trinitizzati da creature. I sette mondi che lo circondano sono riservati a certi singoli raggruppamenti di questi figli divinamente collegati.

45:1.8

Numero 6. Il Mondo dello Spirito. Questa sfera funge da luogo d’incontro del sistema per le alte personalità dello Spirito Infinito. I sette satelliti che la circondano sono assegnati ai singoli gruppi di questi diversi ordini. Ma sul mondo di transizione numero sei non c’è alcuna rappresentazione dello Spirito, né si potrà osservare una tale presenza sulle capitali dei sistemi; la Divina Ministra di Salvington è ovunque in Nebadon.

45:1.9

Numero 7. Il Mondo del Padre. Questa è la sfera silenziosa del sistema. Nessun gruppo di esseri vi è domiciliato. Il grande tempio della luce occupa una posizione centrale, ma non vi si può discernere nessuno all’interno. Tutti gli esseri di tutti i mondi del sistema sono i benvenuti come adoratori.

45:1.10

I sette satelliti che circondano il mondo del Padre sono variamente utilizzati nei differenti sistemi. In Satania sono attualmente impiegati come sfere di detenzione per i gruppi internati della ribellione di Lucifero. La capitale della costellazione, Edentia, non ha mondi prigione analoghi; i pochi serafini e cherubini che sono passati con i rivoltosi nella ribellione di Satania sono stati imprigionati da lungo tempo su questi mondi d’isolamento di Jerusem.

45:1.11

Come ospiti temporanei del settimo mondo delle dimore, voi avrete accesso al settimo mondo di transizione, la sfera del Padre Universale, e vi sarà anche consentito di visitare i mondi prigione di Satania che circondano questo pianeta in cui sono attualmente confinati Lucifero e la maggior parte delle personalità che l’hanno seguito nella ribellione contro Micael. Questo triste spettacolo si è potuto osservare durante le epoche recenti e continuerà a servire da avvertimento solenne per tutto Nebadon, fino a quando gli Antichi dei Giorni avranno giudicato il peccato di Lucifero e dei suoi associati caduti che respinsero l’offerta di salvezza di Micael, loro Padre nell’universo.

2. Il sovrano del sistema

45:2.1

Il capo esecutivo di un sistema locale di mondi abitati è un Figlio Lanonandek primario, il Sovrano del Sistema. Nel nostro universo locale a questi sovrani sono affidate ampie responsabilità esecutive, prerogative personali fuori del comune. Non tutti gli universi, anche in Orvonton, sono organizzati in modo da permettere ai Sovrani di Sistema di esercitare tali poteri insolitamente ampi di discrezione personale nella direzione degli affari del sistema. Ma in tutta la storia di Nebadon questi esecutivi senza vincoli hanno manifestato slealtà solamente tre volte. La ribellione di Lucifero nel sistema di Satania è stata l’ultima e la più estesa di tutte.

45:2.2

In Satania, anche dopo questa disastrosa sollevazione, non è stato fatto assolutamente alcun cambiamento nella tecnica di amministrazione del sistema. L’attuale Sovrano del Sistema possiede tutto il potere ed esercita tutta l’autorità che erano stati conferiti al suo indegno predecessore, salvo per certe materie poste ora sotto la supervisione dei Padri della Costellazione e che gli Antichi dei Giorni non hanno ancora pienamente riaffidato a Lanaforge, il successore di Lucifero.

45:2.3

L’attuale capo di Satania è un benevolo e brillante governante, ed è un sovrano a prova di ribellione. Quando serviva come Sovrano di Sistema assistente, Lanaforge fu fedele a Micael nel corso di una precedente sollevazione nell’universo di Nebadon. Questo potente e brillante Signore di Satania è un amministratore provato e sperimentato. All’epoca della seconda ribellione sistemica in Nebadon, quando il Sovrano del Sistema sbagliò e cadde nelle tenebre, Lanaforge, primo assistente del capo deviato, prese le redini del governo e diresse gli affari del sistema in modo tale che un numero relativamente contenuto di personalità andarono perdute tanto sui mondi sede che sui pianeti abitati di quello sfortunato sistema. Lanaforge ha l’onore di essere il solo Figlio Lanonandek primario in tutto Nebadon ad aver funzionato così lealmente al servizio di Micael ed in presenza stessa del fallimento di suo fratello che aveva autorità superiore e rango preminente. Lanaforge non sarà probabilmente trasferito da Jerusem prima che tutti gli effetti dell’antica follia siano stati debellati e le conseguenze della ribellione siano state eliminate da Satania.

45:2.4

Anche se non tutti gli affari dei mondi isolati di Satania sono stati riaffidati alla sua giurisdizione, Lanaforge mostra un grande interesse al loro benessere e visita frequentemente Urantia. Come negli altri sistemi normali, il Sovrano presiede il consiglio sistemico dei governanti di mondi, i Principi Planetari ed i governatori generali residenti dei mondi isolati. Questo consiglio planetario si riunisce di tanto in tanto sulla capitale del sistema—“Quando i Figli di Dio si riuniscono”.

45:2.5

Una volta alla settimana, ogni dieci giorni su Jerusem, il Sovrano tiene un conclave con un gruppo dei vari ordini di personalità domiciliate sul mondo capitale. Questi sono i momenti piacevoli e privi di formalità di Jerusem e sono occasioni indimenticabili. Su Jerusem regna una fratellanza estrema tra tutti i vari ordini di esseri e tra ciascuno di questi gruppi ed il Sovrano del Sistema.

45:2.6

Queste assemblee straordinarie avvengono sul mare di vetro, il grande campo di riunioni della capitale del sistema. Si tratta di occasioni puramente sociali e spirituali; non vi si discute mai nulla concernente l’amministrazione planetaria o il piano d’ascensione. In questi momenti i mortali ascendenti si riuniscono semplicemente per il loro piacere e per incontrare i loro compagni Jerusemiti. I gruppi che non sono intrattenuti dal Sovrano in queste ricreazioni settimanali s’incontrano nei loro quartieri generali.

3. Il governo del sistema

45:3.1

Il capo esecutivo di un sistema locale, il Sovrano del Sistema, è sempre supportato da due o tre Figli Lanonandek, che funzionano da primo e secondo assistente. Ma attualmente il sistema di Satania è amministrato da un personale di sette Lanonandek:

45:3.2

1. Il Sovrano del Sistema—Lanaforge, numero 2.709 dell’ordine primario e successore dell’apostata Lucifero.

45:3.3

2. Il primo Sovrano assistente—Mansurotia, numero 17.841 dei Lanonandek terziari. Egli fu inviato a Satania assieme a Lanaforge.

45:3.4

3. Il secondo Sovrano assistente—Sadib, numero 271.402 dell’ordine terziario. Anche Sadib venne a Satania con Lanaforge.

45:3.5

4. Il custode del sistema—Holdant, numero 19 del corpo terziario, il detentore e controllore di tutti gli spiriti internati al di sopra dell’ordine dell’esistenza mortale. Anche Holdant venne a Satania con Lanaforge.

45:3.6

5. L’archivista del sistema—Vilton, segretario del ministero Lanonandek di Satania, numero 374 del terzo ordine. Vilton era un membro del gruppo iniziale di Lanaforge.

45:3.7

6. Il direttore di conferimento—Fortant, numero 319.847 delle riserve dei Lanonandek secondari e direttore temporaneo di tutte le attività universali trapiantate su Jerusem dopo il conferimento di Micael su Urantia. Fortant è stato assegnato al personale di Lanaforge da millenovecento anni del tempo di Urantia.

45:3.8

7. L’alto consigliere—Hanavard, numero 67 dei Figli Lanonandek primari e membro del corpo superiore di consiglieri e di coordinatori universali. Egli agisce come presidente in funzione del consiglio esecutivo di Satania. Hanavard è il dodicesimo di quest’ordine a servire a tale titolo su Jerusem dopo la ribellione di Lucifero.

45:3.9

Questo gruppo esecutivo di sette Lanonandek costituisce l’amministrazione allargata d’emergenza resasi necessaria dalle conseguenze della ribellione di Lucifero. Su Jerusem vi sono solo tribunali minori poiché il sistema è un’unità amministrativa e non giudiziaria, ma l’amministrazione Lanonandek è supportata dal consiglio esecutivo di Jerusem, il corpo consultivo supremo di Satania. Questo consiglio è composto di dodici membri:

45:3.10

1. Hanavard, il presidente Lanonandek.

45:3.11

2. Lanaforge, il Sovrano del Sistema.

45:3.12

3. Mansurotia, il primo Sovrano assistente.

45:3.13

4. Il capo dei Melchizedek di Satania.

45:3.14

5. Il direttore in funzione dei Portatori di Vita di Satania.

45:3.15

6. Il capo dei finalitari di Satania.

45:3.16

7. L’Adamo originale di Satania, il capo supervisore dei Figli Materiali.

45:3.17

8. Il direttore delle schiere serafiche di Satania.

45:3.18

9. Il capo dei controllori fisici di Satania.

45:3.19

10. Il direttore dei Supervisori di Potere Morontiale del sistema.

45:3.20

11. Il direttore in funzione delle creature intermedie del sistema.

45:3.21

12. Il capo in funzione del corpo dei mortali ascendenti.

45:3.22

Questo consiglio sceglie periodicamente tre membri per rappresentare il sistema locale nel consiglio supremo della capitale dell’universo, ma questa rappresentanza è sospesa a causa della ribellione. Satania ha ora un osservatore nella capitale dell’universo locale, ma dal conferimento di Micael il sistema ha ripreso l’elezione dei dieci membri per il corpo legislativo di Edentia.

4. I ventiquattro consiglieri

45:4.1

Su Jerusem, al centro dei sette cerchi angelici di residenza, si trova la sede del consiglio consultivo di Urantia, i ventiquattro consiglieri. Giovanni l’Evangelista li chiamò i ventiquattro anziani: “E attorno al trono c’erano ventiquattro seggi, e sui seggi ho visto ventiquattro anziani seduti, vestiti di bianco.” Il trono al centro di questo gruppo è il seggio di giudizio dell’arcangelo presidente, il trono dell’appello nominativo alla risurrezione di misericordia e di giustizia per tutto Satania. Questo seggio di giudizio è sempre stato su Jerusem, ma i ventiquattro seggi che lo circondano furono installati solo millenovecento anni fa, subito dopo che Cristo Micael fu elevato alla piena sovranità di Nebadon. Questi ventiquattro consiglieri sono i suoi agenti personali su Jerusem, ed hanno l’autorità di rappresentare il Figlio Maestro in tutte le materie concernenti gli appelli nominativi di Satania ed in molte altre fasi del piano d’ascensione dei mortali sui mondi isolati del sistema. Essi sono gli agenti designati per eseguire le richieste speciali di Gabriele e i mandati inusuali di Micael.

45:4.2

Questi ventiquattro consiglieri sono stati reclutati tra le otto razze di Urantia, e gli ultimi di tale gruppo furono riuniti all’epoca dell’appello di risurrezione fatto da Micael millenovecento anni fa. Questo consiglio consultivo di Urantia è costituito dai seguenti membri:

45:4.3

1. Onagar, la mente maestra dell’era anteriore al Principe Planetario, che guidò i suoi compagni all’adorazione del “Donatore di Respiro”.

45:4.4

2. Mansant, il grande maestro dell’era posteriore al Principe Planetario su Urantia, che indirizzò i suoi simili alla venerazione de “La Grande Luce”.

45:4.5

3. Onamonalonton, un antichissimo capo degli uomini rossi, che guidò questa razza dall’adorazione di molti dei alla venerazione de “Il Grande Spirito”.

45:4.6

4. Orlandof, un principe degli uomini blu e loro guida nel riconoscimento della divinità de “Il Capo Supremo”.

45:4.7

5. Porshunta, l’oracolo dell’estinta razza arancione e capo di questo popolo nell’adorazione de “Il Grande Maestro”.

45:4.8

6. Singlangton, il primo degli uomini gialli ad istruire e condurre il suo popolo al culto de “L’Unica Verità” invece di molte. Migliaia di anni fa gli uomini gialli sapevano del Dio unico.

45:4.9

7. Fantad, il liberatore degli uomini verdi dalle tenebre e loro guida nell’adorazione de “La Sorgente Unica della Vita”.

45:4.10

8. Orvonon, l’illuminatore delle razze indaco e loro capo nel servire un tempo “Il Dio degli Dei”.

45:4.11

9. Adamo, lo screditato ma riabilitato padre planetario di Urantia, un Figlio Materiale di Dio che fu relegato nelle sembianze della carne mortale, ma che sopravvisse e fu successivamente elevato a questa posizione per decreto di Micael.

45:4.12

10. Eva, la madre della razza viola di Urantia, che subì con il suo compagno la punizione del fallimento e che fu anch’essa riabilitata con lui ed incaricata a servire con questo gruppo di sopravviventi mortali.

45:4.13

11. Enoch, il primo dei mortali di Urantia a fondersi con l’Aggiustatore di Pensiero durante la vita mortale nella carne.

45:4.14

12. Mosè, l’emancipatore di un residuo della razza viola sommersa e lo stimolatore della rinascita dell’adorazione del Padre Universale sotto il nome de “Il Dio d’Israele”.

45:4.15

13. Elia, un’anima trasferita di brillante compimento spirituale durante l’era posteriore al Figlio Materiale.

45:4.16

14. Machiventa Melchizedek, il solo Figlio di quest’ordine che si sia conferito alle razze di Urantia. Sebbene ancora annoverato come un Melchizedek, egli è divenuto “per sempre un ministro degli Altissimi”, assumendo per l’eternità l’incarico di servire come un ascendente mortale, avendo soggiornato su Urantia nelle sembianze della carne mortale a Salem al tempo di Abramo. Questo Melchizedek è stato proclamato in seguito Principe Planetario vicegerente di Urantia con sede su Jerusem e con autorità per agire in nome di Micael, che è effettivamente il Principe Planetario del mondo in cui ha effettuato il suo conferimento terminale in forma umana. Malgrado ciò, Urantia è ancora sotto la supervisione di governatori generali residenti successivi, facenti parte dei ventiquattro consiglieri.

45:4.17

15. Giovanni il Battista, il precursore della missione di Micael su Urantia e, nella carne, lontano cugino del Figlio dell’Uomo.

45:4.18

16. 1-2-3 il Primo, il capo delle creature intermedie leali al servizio di Gabriele all’epoca del tradimento di Caligastia, elevato a questa posizione da Micael subito dopo l’acquisizione della sua sovranità incondizionata.

45:4.19

Per il momento, su richiesta di Gabriele, queste personalità selezionate sono esentate dal regime d’ascensione, e noi non abbiamo idea di quanto a lungo potranno servire in questa funzione.

45:4.20

I seggi numero 17, 18, 19 e 20 non sono occupati in permanenza. Essi sono occupati temporaneamente con il consenso unanime dei sedici membri permanenti, essendo tenuti disponibili per essere assegnati successivamente a mortali ascendenti della presente era posteriore al conferimento di Micael su Urantia.

45:4.21

I numeri 21, 22, 23 e 24 sono occupati temporaneamente in modo analogo, essendo tenuti di riserva per i grandi insegnanti di altre ere susseguenti che seguiranno indubbiamente l’era presente. Si possono prevedere per Urantia delle ere di Figli Magistrali e di Figli Istruttori e le ere di luce e vita, indipendentemente da visitazioni inattese di Figli divini che potranno o meno avvenire.

5. I Figli Materiali

45:5.1

Le grandi divisioni della vita celeste hanno i loro quartieri generali e le loro immense riserve su Jerusem, compresi i vari ordini di Figli divini, di spiriti elevati, di superangeli, di angeli e di creature intermedie. La dimora centrale di questo meraviglioso settore è il grande tempio dei Figli Materiali.

45:5.2

Il dominio degli Adami è il centro d’attrazione di tutti i nuovi arrivati su Jerusem. È un’area enorme comprendente mille centri, anche se ogni famiglia di Figli e di Figlie Materiali vive in un luogo suo proprio fino al momento della partenza dei suoi membri per servire sui mondi evoluzionari dello spazio o fino a quando iniziano la carriera d’ascensione al Paradiso.

45:5.3

Questi Figli Materiali sono il tipo più elevato degli esseri a riproduzione sessuale che s’incontra sulle sfere educative degli universi in evoluzione. Ed essi sono veramente materiali; anche gli Adami e le Eve Planetari sono chiaramente visibili alle razze mortali dei mondi abitati. Questi Figli Materiali sono l’ultimo anello fisico della catena di personalità che si estende dalla divinità e dalla perfezione in alto fino all’umanità e all’esistenza materiale in basso. Questi Figli forniscono ai mondi abitati un intermediario reciprocamente contattabile tra il Principe Planetario invisibile e le creature materiali dei regni.

45:5.4

Nell’ultimo censimento millenario su Salvington sono stati registrati in Nebadon 161.432.840 Figli e Figlie Materiali con status di cittadinanza nelle capitali dei sistemi locali. Il numero di Figli Materiali varia nei differenti sistemi e si accresce costantemente per riproduzione naturale. Nell’esercizio delle loro funzioni riproduttive essi non sono interamente guidati dai desideri individuali delle personalità con cui sono in contatto, ma anche dai corpi dirigenti e dai consigli consultivi superiori.

45:5.5

Questi Figli e Figlie Materiali sono gli abitanti permanenti di Jerusem e dei suoi mondi associati. Essi occupano vaste aree su Jerusem e partecipano largamente alla direzione locale della sfera capitale, amministrando praticamente tutti gli affari correnti con l’aiuto degli intermedi e degli ascendenti.

45:5.6

Su Jerusem a questi Figli riproduttori è consentito sperimentare gli ideali di autogoverno alla maniera dei Melchizedek, ed essi stanno raggiungendo un tipo di società molto elevato. Gli ordini superiori di filiazione si riservano il diritto di veto nel regno, ma in quasi tutti gli aspetti gli Adamiti di Jerusem si autogovernano per suffragio universale e con un governo rappresentativo. Essi sperano che sia loro concessa un giorno un’autonomia praticamente completa.

45:5.7

Il carattere del servizio dei Figli Materiali è largamente determinato dalla loro età. Anche se non hanno i requisiti per l’ammissione all’Università Melchizedek di Salvington—essendo materiali e generalmente limitati a certi pianeti—tuttavia i Melchizedek mantengono importanti corpi insegnanti nella capitale di ogni sistema per istruire le generazioni più giovani di Figli Materiali. I sistemi di formazione educativa e spirituale previsti per lo sviluppo dei Figli e delle Figlie Materiali più giovani rappresentano l’apice della perfezione per vastità, tecnica ed applicazione pratica.

6. L’educazione Adamica degli ascendenti

45:6.1

I Figli e le Figlie Materiali, unitamente ai loro figli, presentano uno spettacolo affascinante che non manca mai di suscitare la curiosità e di attirare l’attenzione di tutti i mortali ascendenti. Essi sono talmente simili alle vostre razze umane sessuate che entrambi troverete un grande interesse in comune nello scambiare le vostre idee e nell’occupare il vostro tempo in contatti fraterni.

45:6.2

Sulla capitale del sistema i sopravviventi mortali trascorrono molto del loro tempo libero ad osservare e a studiare le abitudini di vita ed il comportamento di queste creature semifisiche sessuate superiori, poiché questi cittadini di Jerusem sono i sostenitori ed i mentori diretti dei sopravviventi mortali dal momento in cui raggiungono la cittadinanza sul mondo capitale fino a quando partono per Edentia.

45:6.3

Sui sette mondi delle dimore sono offerte ai mortali ascendenti ampie opportunità per compensare tutte le privazioni esperienziali sofferte sui loro mondi d’origine, siano esse dovute ad ereditarietà, all’ambiente o alla sfortunata fine prematura della carriera nella carne. Questo è vero in ogni senso, salvo che per la vita mortale sessuata e per i suoi aggiustamenti conseguenti. Migliaia di mortali giungono sui mondi delle dimore senza avere particolarmente beneficiato delle discipline derivanti da relazioni sessuali normali sulla loro sfera natale. L’esperienza del mondo delle dimore può offrire scarse opportunità di compensare queste privazioni molto personali. L’esperienza sessuale in senso fisico è finita per questi ascendenti, ma in stretta associazione con i Figli e le Figlie Materiali, sia individualmente che come membri delle loro famiglie, questi mortali mancanti di esperienze sessuali sono messi in condizione di compensare gli aspetti sociali, intellettuali, emotivi e spirituali delle loro deficienze. Così tutti gli umani che le circostanze od un errore di giudizio hanno privato dei benefici di una relazione sessuale vantaggiosa sui mondi evoluzionari, qui sulle capitali sistemiche dispongono della piena opportunità di acquisire queste esperienze mortali essenziali in stretta ed affettuosa associazione con le creature celesti adamiche sessuate che hanno residenza permanente sulle capitali di sistema.

45:6.4

Nessun mortale sopravvivente, intermedio o serafino può ascendere al Paradiso, raggiungere il Padre ed essere arruolato nel Corpo della Finalità senza essere passato per l’esperienza sublime di conseguire una relazione di genitore con un figlio in evoluzione dei mondi o per qualche altra esperienza analoga ed equivalente. La relazione tra genitore e figlio è fondamentale per il concetto essenziale della relazione tra il Padre Universale ed i suoi figli dell’universo. Perciò una tale esperienza diviene indispensabile per l’educazione esperienziale di tutti gli ascendenti.

45:6.5

Le creature intermedie ascendenti ed i serafini evoluzionari devono passare per questa esperienza di genitori in associazione con i Figli e le Figlie Materiali della capitale del sistema. In tal modo questi ascendenti non riproduttori acquisiscono l’esperienza di genitori aiutando gli Adami e le Eve di Jerusem ad allevare ed educare la loro progenie.

45:6.6

Anche tutti i sopravviventi mortali che non hanno avuto esperienza di genitori sui mondi evoluzionari devono acquisire questa educazione necessaria mentre soggiornano nelle dimore dei Figli Materiali di Jerusem e come genitori associati di questi splendidi padri e madri. E ciò avviene a meno che i mortali non abbiano già potuto compensare le loro deficienze nell’asilo del sistema situato sul primo mondo di cultura di transizione di Jerusem.

45:6.7

Questo asilo probatorio di Satania è condotto da certe personalità morontiali sul mondo dei finalitari, dove metà del pianeta si dedica a questo lavoro di allevare bambini. Qui sono accolti e riuniti certi figli dei mortali sopravviventi, come i bambini che sono morti nei mondi evoluzionari prima d’aver acquisito lo status spirituale d’individui. L’ascensione di uno dei suoi genitori naturali garantisce ad un tale bambino mortale dei regni che gli sarà accordata la ripersonalizzazione sul pianeta finalitario del sistema e che là gli sarà permesso di dimostrare con il successivo libero arbitrio se decide o meno di seguire il sentiero d’ascensione mortale del genitore. Qui i bambini paiono come sul loro mondo natale, eccetto che per l’assenza della differenziazione sessuale. Non c’è più riproduzione di tipo mortale dopo l’esperienza di vita sui mondi abitati.

45:6.8

Gli studenti del mondo delle dimore che hanno uno o più figli nell’asilo probatorio sul mondo dei finalitari e che mancano dell’esperienza essenziale di genitori, possono chiedere ai Melchizedek l’autorizzazione di essere temporaneamente trasferiti dai compiti d’ascensione dei mondi delle dimore al mondo dei finalitari, dove sarà loro assicurata l’opportunità di operare come genitori associati dei loro stessi figli e di altri figli. Questo servizio in qualità di genitori può essere riconosciuto più tardi su Jerusem come il compimento di metà della preparazione alla quale tali ascendenti devono sottoporsi nelle famiglie dei Figli e delle Figlie Materiali.

45:6.9

L’asilo probatorio stesso è sotto la supervisione di mille coppie di Figli e Figlie Materiali, volontari provenienti dalla colonia del loro ordine su Jerusem. Essi hanno per assistenti diretti un numero quasi uguale di gruppi di genitori midsoniti volontari, che si fermano qui per svolgere questo servizio sul loro cammino dal mondo midsonito di Satania al destino non rivelato sui mondi espressamente loro riservati tra le sfere finalitarie di Salvington.

7. Le scuole Melchizedek

45:7.1

I Melchizedek sono i direttori di quel corpo numeroso d’istruttori—creature dotate di volontà parzialmente spiritualizzate ed altre—che operano in modo così soddisfacente su Jerusem e sui suoi mondi associati, ma specialmente sui sette mondi delle dimore. Questi sono i pianeti in cui sono trattenuti i mortali che non sono riusciti a fondersi con il loro Aggiustatore interiore durante la vita nella carne, e dove sono ricostituiti in una forma provvisoria per ricevere un aiuto supplementare e per beneficiare di nuove opportunità di proseguire i loro sforzi di compimento spirituale, gli stessi sforzi che sono stati prematuramente interrotti dalla morte. Se per qualche altra ragione di problemi ereditari, di ambiente sfavorevole o di concorso di circostanze, questo compimento dell’anima non è stato completato, quale che sia la ragione, tutti coloro che sono sinceri nelle intenzioni e spiritualmente meritevoli si ritrovano, in quanto tali, presenti sui pianeti di prosecuzione, dove devono imparare a dominare i fattori essenziali della carriera eterna, ad impadronirsi delle qualità che non sono riusciti ad acquisire, o che non hanno acquisito, durante la loro vita nella carne.

45:7.2

I Brillanti Astri della Sera (ed i loro coordinati non denominati) servono frequentemente come insegnanti nelle varie attività educative dell’universo, comprese quelle patrocinate dai Melchizedek. Anche i Figli Istruttori Trinitari collaborano, ed aggiungono il tocco della perfezione paradisiaca a queste scuole di preparazione progressiva. Ma tutte queste attività non sono consacrate esclusivamente all’avanzamento dei mortali ascendenti; molte si occupano anche della preparazione progressiva delle personalità spirituali native di Nebadon.

45:7.3

I Figli Melchizedek dirigono più di trenta differenti centri educativi su Jerusem. Queste scuole di formazione cominciano con il collegio di valutazione di se stessi e finiscono con le scuole di cittadinanza di Jerusem, nelle quali i Figli e le Figlie Materiali si uniscono ai Melchizedek e ad altri nello sforzo supremo di qualificare i sopravviventi mortali all’assunzione delle alte responsabilità di un governo rappresentativo. L’intero universo è organizzato ed amministrato sul piano rappresentativo. Un governo rappresentativo è l’ideale divino di autogoverno per gli esseri non perfetti.

45:7.4

Ogni cento anni del tempo dell’universo ciascun sistema seleziona i suoi dieci rappresentanti per partecipare all’assemblea legislativa della costellazione. Essi sono scelti dal consiglio dei mille di Jerusem, un corpo elettivo incaricato del compito di rappresentare i gruppi sistemici in tutte queste materie di delega o di nomina. Tutti i rappresentanti o gli altri delegati sono scelti dal consiglio di mille elettori e devono essere diplomati dalla scuola più avanzata del Collegio d’Amministrazione Melchizedek, come lo sono anche tutti coloro che costituiscono questo gruppo di mille elettori. Questa scuola è condotta dai Melchizedek, recentemente assistiti dai finalitari.

45:7.5

Vi sono molti corpi elettivi su Jerusem e l’autorità è loro conferita di quando in quando da tre ordini di cittadinanza—i Figli e le Figlie Materiali, i serafini ed i loro associati, incluse le creature intermedie, e i mortali ascendenti. Per ricevere l’onore della nomina a rappresentante, un candidato deve avere acquisito il richiesto riconoscimento dalle scuole di amministrazione Melchizedek.

45:7.6

Su Jerusem, tra questi tre gruppi di cittadini, il suffragio è universale, ma si vota in modo differenziato secondo il possesso personale di mota—la saggezza morontiale—riconosciuta e debitamente registrata. Il voto dato in un’elezione su Jerusem da ciascuna personalità ha un valore compreso tra uno e mille. I cittadini di Jerusem sono quindi classificati secondo la loro acquisizione di mota.

45:7.7

Di tanto in tanto i cittadini di Jerusem si presentano agli esaminatori Melchizedek, che certificano la loro acquisizione di saggezza morontiale. Poi si presentano davanti al corpo esaminatore dei Brillanti Astri della Sera o di loro delegati, che accertano il grado d’intuizione spirituale. In seguito compaiono alla presenza dei ventiquattro consiglieri e loro associati, i quali giudicano il loro stato di raggiungimento esperienziale di socializzazione. Questi tre fattori sono quindi trasmessi agli archivisti di cittadinanza del governo rappresentativo, che valutano rapidamente lo status di mota ed attribuiscono le qualificazioni di suffragio corrispondenti.

45:7.8

Sotto la supervisione dei Melchizedek i mortali ascendenti, specialmente quelli che sono in ritardo nell’unificazione della loro personalità sui nuovi livelli morontiali, sono presi in mano dai Figli Materiali e ricevono una preparazione intensiva destinata a colmare le loro carenze. Nessun mortale ascendente lascia il quartier generale del sistema per la carriera di socializzazione più estesa e varia della costellazione prima che questi Figli Materiali abbiano certificato il suo conseguimento della personalità di mota—un’individualità che congiunge l’esistenza mortale completata in associazione esperienziale con la carriera morontiale emergente, entrambe debitamente amalgamate dal supercontrollo spirituale dell’Aggiustatore di Pensiero.

45:7.9

[Presentato da un Melchizedek con incarico temporaneo su Urantia.]


◄ Fascicolo 44
Top
Fascicolo 46 ►
Il Libro di Urantia

Traduzione italiano © Fondazione Urantia. Tutti i diritti riservati.