◄ Fascicolo 107
Parte 3 ▲
Fascicolo 109 ►
Fascicolo 108

Missione e ministero degli Aggiustatori di Pensiero

LA MISSIONE degli Aggiustatori di Pensiero presso le razze umane è di rappresentare, di essere, il Padre Universale per le creature mortali del tempo e dello spazio; questo è il lavoro fondamentale dei doni divini. La loro missione è anche quella di elevare la mente dei mortali e di trasferire le anime immortali degli uomini fino alle altezze divine ed ai livelli spirituali di perfezione paradisiaca. E nell’esperienza di trasformare in questo modo la natura umana delle creature temporali nella natura divina dei finalitari eterni, gli Aggiustatori portano all’esistenza un tipo unico di essere, un essere consistente nell’unione eterna dell’Aggiustatore perfetto e della creatura perfezionata, che sarebbe impossibile duplicare per mezzo di qualunque altra tecnica universale.

108:0.2

Niente in tutto l’universo può sostituire il fatto dell’esperienza su livelli non esistenziali. Il Dio infinito è, come sempre, completo e repleto, infinitamente inclusivo di tutte le cose, salvo il male e l’esperienza di creatura. Dio non può fare sbagli, egli è infallibile. Dio non può conoscere esperienzialmente ciò di cui non ha mai fatto personalmente l’esperienza; la preconoscenza di Dio è esistenziale. Perciò lo spirito del Padre discende dal Paradiso per partecipare con i mortali finiti ad ogni esperienza autentica della carriera ascendente; è solo per mezzo di questo metodo che il Dio esistenziale poteva divenire in verità e di fatto il Padre esperienziale dell’uomo. L’infinità del Dio eterno ingloba il potenziale per l’esperienza nel finito, che si attua in verità nel ministero dei frammenti Aggiustatori che partecipano effettivamente alle esperienze delle vicissitudini di vita degli esseri umani.

1. Selezione ed assegnazione

108:1.1

Quando gli Aggiustatori sono inviati da Divinington per servire presso i mortali, sono identici per dotazione di divinità esistenziale, ma sono differenti per qualità esperienziali in proporzione ai loro contatti precedenti con le creature evoluzionarie ed in loro. Noi non possiamo spiegare il criterio di assegnazione degli Aggiustatori, ma riteniamo che questi doni divini siano attribuiti secondo un saggio ed efficace piano d’idoneità eterna di adattamento alla personalità abitata. Noi osserviamo che l’Aggiustatore più esperto abita spesso il tipo più elevato di mente umana; le qualità umane devono perciò essere un fattore considerevole nel determinare la selezione e l’assegnazione.

108:1.2

Anche se non lo sappiamo con precisione, noi crediamo fermamente che tutti gli Aggiustatori di Pensiero siano volontari. Ma prima che si offrano volontari essi sono in possesso di tutti i dati concernenti il candidato da abitare. Gli schemi serafici della genealogia e dei modelli progettati per la loro condotta di vita sono trasmessi via Paradiso al corpo di riserva degli Aggiustatori su Divinington per mezzo della tecnica di riflettività che va verso l’interno dalle capitali degli universi locali fino a quelle dei superuniversi. Questa previsione copre non solo gli antecedenti ereditari del candidato mortale, ma anche la stima della sua probabile dotazione intellettuale e spirituale. Gli Aggiustatori si offrono dunque volontari per abitare menti delle cui nature intime sono stati pienamente informati.

108:1.3

L’Aggiustatore che si offre volontario è particolarmente interessato a tre qualità del candidato umano:

108:1.4

1. Capacità intellettuali. La mente è normale? Qual è il potenziale intellettuale, la capacità dell’intelligenza? L’individuo può svilupparsi in una creatura autentica dotata di volontà? La saggezza avrà occasione di manifestarsi?

108:1.5

2. Percezione spirituale. Le prospettive di sviluppo del sentimento di riverenza, la nascita e la crescita della natura religiosa. Qual è il potenziale dell’anima, la sua probabile capacità spirituale di ricettività?

108:1.6

3. Potere intellettuale e spirituale congiunti. Il grado al quale queste due facoltà possono essere associate, congiunte, in modo da produrre forza di carattere umano e contribuire all’evoluzione certa di un’anima immortale con valore di sopravvivenza.

108:1.7

In presenza di questi fatti, noi crediamo che i Monitori si offrano volontariamente per un’assegnazione. Probabilmente più di un Aggiustatore si offre volontario per un posto; forse gli ordini personalizzati di supervisione scelgono tra questo gruppo di Aggiustatori volontari quello che è meglio qualificato al compito di spiritualizzare e rendere eterna la personalità del candidato mortale. (Nell’assegnazione e nel servizio degli Aggiustatori il sesso della creatura non è tenuto in nessun conto.)

108:1.8

Il breve intervallo di tempo tra l’offrirsi volontario e l’invio effettivo dell’Aggiustatore è probabilmente impiegato nelle scuole di Divinington dei Monitori Personalizzati, dove un modello funzionante della mente mortale in attesa è utilizzato per insegnare all’Aggiustatore assegnato i piani più efficaci per l’approccio alla personalità e per la spiritualizzazione della mente. Questo modello di mente è formulato mediante una combinazione di dati forniti dal servizio di riflettività del superuniverso. Questo almeno è quanto attiene alla nostra comprensione, una credenza derivata dall’aver messo insieme le informazioni ottenute dal contatto con molti Aggiustatori Personalizzati nel corso delle lunghe carriere universali dei Messaggeri Solitari.

108:1.9

Quando gli Aggiustatori sono effettivamente inviati da Divinington, non trascorre praticamente alcun lasso di tempo tra il momento della partenza e quello della loro apparizione nella mente dei soggetti da loro scelti. La durata media del transito di un Aggiustatore da Divinington ad Urantia è di 117 ore, 42 minuti e 7 secondi. Praticamente tutto questo tempo è impiegato per la registrazione su Uversa.

2. Requisiti indispensabili per il soggiorno dell’aggiustatore

108:2.1

Benché gli Aggiustatori si offrano volontari per servire non appena le previsioni concernenti una personalità sono state trasmesse a Divinington, essi non sono effettivamente assegnati fino a che i soggetti umani non hanno preso la loro prima decisione di personalità morale. La prima scelta morale del bambino umano è automaticamente indicata nel settimo aiutante della mente e registrata istantaneamente, tramite lo Spirito Creativo dell’universo locale, sul circuito universale della gravità mentale dell’Attore Congiunto nella presenza dello Spirito Maestro che ha giurisdizione sul superuniverso, il quale trasmette subito questa informazione a Divinington. Gli Aggiustatori raggiungono i loro soggetti umani su Urantia mediamente poco prima del sesto anno d’età. Nella presente generazione trascorrono cinque anni, dieci mesi e quattro giorni; cioè 2.134 giorni di vita terrestre.

108:2.2

Gli Aggiustatori non possono invadere la mente mortale prima che sia stata debitamente preparata dal ministero interiore degli spiriti aiutanti della mente e messa in circuito nello Spirito Santo. E ciò richiede l’azione coordinata di tutti e sette gli aiutanti per qualificare così la mente umana a ricevere un Aggiustatore. La mente della creatura deve manifestare la tendenza all’adorazione ed indicare il funzionamento della saggezza mostrando la sua attitudine a scegliere tra i valori emergenti del bene e del male—la scelta morale.

108:2.3

In tal modo lo scenario della mente umana è pronto per ricevere gli Aggiustatori, ma di regola generale essi non vengono immediatamente ad abitare tali menti, salvo sui mondi in cui lo Spirito della Verità funziona come coordinatore spirituale di questi differenti ministeri spirituali. Se questo spirito dei Figli di conferimento è presente, gli Aggiustatori giungono infallibilmente non appena il settimo spirito aiutante della mente comincia a funzionare e segnala allo Spirito Madre d’Universo che ha raggiunto in potenza la coordinazione dei sei aiutanti associati che avevano precedentemente portato il loro ministero in tale intelletto mortale. Per questo gli Aggiustatori divini sono stati universalmente conferiti a tutte le menti normali di status morale di Urantia dal giorno della Pentecoste.

108:2.4

Anche in una mente dotata dello Spirito della Verità gli Aggiustatori non possono invadere arbitrariamente l’intelletto umano prima dell’apparizione di una decisione morale. Ma quando una tale decisione morale è stata presa, questo aiuto spirituale assume la sua giurisdizione diretta da Divinington. Non ci sono intermediari od altre autorità o poteri intermedi che intervengono tra gli Aggiustatori divini ed i loro soggetti umani; Dio e l’uomo sono collegati direttamente.

108:2.5

Prima che lo Spirito della Verità sia sparso sugli abitanti di un mondo evoluzionario, il conferimento degli Aggiustatori sembra essere determinato da numerose influenze spirituali e da molti comportamenti della personalità. Noi non comprendiamo pienamente le leggi che governano questi conferimenti; non comprendiamo esattamente ciò che determina l’invio degli Aggiustatori che si sono offerti volontari per abitare tali menti in evoluzione. Osserviamo, tuttavia, numerose influenze e condizioni che sembrano essere associate all’arrivo degli Aggiustatori in queste menti prima del conferimento dello Spirito dello Verità, e sono:

108:2.6

1. L’assegnazione di guardiani serafici personali. Se un mortale non è stato precedentemente abitato da un Aggiustatore, l’assegnazione di un guardiano personale fa arrivare subito l’Aggiustatore. Esiste una relazione definita ma sconosciuta tra il ministero degli Aggiustatori ed il ministero dei guardiani serafici personali.

108:2.7

2. Il raggiungimento del terzo cerchio di conseguimento intellettuale e di realizzazione spirituale. Io ho osservato degli Aggiustatori che arrivavano in menti mortali che raggiungevano il terzo cerchio, ancora prima che questo risultato fosse stato segnalato alle personalità dell’universo locale incaricate di tali questioni.

108:2.8

3. Il fatto di prendere una decisione suprema d’importanza spirituale straordinaria. Tale comportamento umano in una crisi planetaria in cui la persona è coinvolta, è generalmente seguito dall’arrivo immediato di un Aggiustatore in attesa.

108:2.9

4. Lo spirito di fratellanza. Indipendentemente dal raggiungimento dei cerchi psichici e dall’assegnazione di guardiani personali—in assenza di qualcosa che somigli ad una decisione di crisi—quando un mortale in evoluzione è dominato dall’amore per i suoi simili e si consacra al ministero disinteressato verso i suoi fratelli nella carne, l’Aggiustatore in attesa scende invariabilmente ad abitare la mente di tale mortale.

108:2.10

5. La dichiarazione dell’intenzione di fare la volontà di Dio. Noi osserviamo che molti mortali dei mondi dello spazio sembrano pronti a ricevere degli Aggiustatori, e tuttavia i Monitori non appaiono. Continuiamo ad osservare tali creature mentre vivono giorno per giorno, e ben presto pacificamente, quasi inconsciamente, arrivano alla decisione di cominciare a fare la volontà del Padre che è nei cieli. Ed allora notiamo l’invio immediato degli Aggiustatori di Pensiero.

108:2.11

6. L’influenza dell’Essere Supremo. Su mondi in cui gli Aggiustatori non si fondono con le anime in evoluzione degli abitanti mortali, noi osserviamo che degli Aggiustatori sono talvolta attribuiti in risposta ad influenze che sono completamente al di là della nostra comprensione. Noi ipotizziamo che questi conferimenti siano determinati da un’azione cosmica riflessa che ha origine nell’Essere Supremo. Quanto al perché questi Aggiustatori non possono fondersi o non si fondono con questo tipo di mente mortale in evoluzione, noi non lo sappiamo. Queste operazioni non ci sono mai state rivelate.

3. L’organizzazione e l’amministrazione

108:3.1

Per quanto ne sappiamo, gli Aggiustatori sono organizzati come un’unità operativa indipendente nell’universo degli universi e sono apparentemente amministrati direttamente da Divinington. Essi sono uniformi in tutti i sette superuniversi e tutti gli universi locali sono serviti da tipi identici di Monitori del Mistero. Noi sappiamo per osservazione che esistono numerose serie di Aggiustatori che implicano un’organizzazione che si estende attraverso razze, su dispensazioni, ed in mondi, sistemi ed universi. È tuttavia estremamente difficile seguire le tracce di questi doni divini perché funzionano in modo intercambiabile in tutto il grande universo.

108:3.2

Una lista completa degli Aggiustatori esiste (all’esterno di Divinington) solo nelle capitali dei sette superuniversi. Il numero e l’ordine di ciascun Aggiustatore che risiede in ogni creatura ascendente sono indicati dalle autorità del Paradiso alla capitale del superuniverso, da dove sono comunicati alla capitale dell’universo locale interessato e trasmessi allo specifico pianeta implicato. Ma gli archivi dell’universo locale non rivelano il numero totale degli Aggiustatori di Pensiero; gli archivi di Nebadon contengono soltanto il numero di Aggiustatori assegnati all’universo locale, qual è indicato dai rappresentanti degli Antichi dei Giorni. La reale consistenza del numero completo di Aggiustatori è conosciuta soltanto su Divinington.

108:3.3

I soggetti umani sono spesso conosciuti con il numero del loro Aggiustatore; i mortali non ricevono dei veri nomi universali prima della fusione con il loro Aggiustatore, la cui unione è segnalata dall’assegnazione del nuovo nome alla nuova creatura da parte del guardiano del destino.

108:3.4

Anche se noi conosciamo gli archivi degli Aggiustatori di Pensiero in Orvonton, e benché non abbiamo assolutamente alcuna autorità su di loro né alcuna connessione amministrativa con loro, crediamo fermamente che esista un collegamento amministrativo molto stretto tra i singoli mondi degli universi locali e la dimora centrale dei doni divini su Divinington. Noi sappiamo che a seguito dell’apparizione di un Figlio di conferimento del Paradiso un mondo evoluzionario ha un Aggiustatore Personalizzato assegnato ad esso come supervisore planetario degli Aggiustatori.

108:3.5

È interessante notare che gli ispettori dell’universo locale, quando procedono all’esame di un pianeta, si rivolgono sempre al capo planetario degli Aggiustatori di Pensiero, così come danno istruzioni ai capi dei serafini e ai dirigenti degli altri ordini di esseri assegnati all’amministrazione di un mondo in evoluzione. Non molto tempo fa Urantia è stato sottoposto ad una simile ispezione periodica da parte di Tabamantia, il supervisore supremo di tutti i pianeti sperimentali di vita nell’universo di Nebadon. Gli archivi rivelano che, in aggiunta alle rimostranze e alle critiche da lui formulate ai diversi capi delle personalità superumane, egli ha anche espresso il seguente riconoscimento al capo degli Aggiustatori; non sappiamo esattamente se Tabamantia fosse situato sul pianeta, su Salvington, su Uversa o su Divinington, ma egli disse:

108:3.6

“Ora io vengo a voi, di gran lunga superiori a me, come uno che ha l’autorità temporanea sulle serie planetarie sperimentali; e vengo per esprimere la mia ammirazione ed il mio profondo rispetto per questo magnifico gruppo di ministri celesti, i Monitori del Mistero, che si è offerto volontario per servire su questa sfera irregolare. Per quanto difficili siano le crisi, voi non vacillate mai. Né negli annali di Nebadon né davanti alle commissioni di Orvonton è mai stata presentata un’accusa contro un Aggiustatore divino. Voi siete stati leali nei vostri incarichi; siete stati divinamente fedeli. Avete aiutato ad aggiustare gli errori ed a compensare le deficienze di tutti coloro che lavorano su questo pianeta sconvolto. Siete degli esseri meravigliosi, custodi del bene delle anime di questo regno arretrato. Io vi rendo omaggio anche se siete apparentemente sotto la mia giurisdizione come ministri volontari. M’inchino davanti a voi in umile riconoscimento del vostro splendido altruismo, del vostro ministero comprensivo e della vostra devozione imparziale. Voi meritate il nome di servitori simili a Dio degli abitanti mortali di questo mondo lacerato dai conflitti, colpito dal dolore ed afflitto dalle malattie. Io vi onoro! Quasi vi venero!”

108:3.7

A seguito di una serie di fatti tendenti a provarlo, noi crediamo che gli Aggiustatori siano perfettamente organizzati, che esista un’amministrazione profondamente intelligente ed efficace che dirige questi doni divini da una lontanissima sorgente centrale, probabilmente Divinington. Noi sappiamo che essi vengono ai mondi da Divinington e che indubbiamente vi ritornano dopo la morte dei loro soggetti.

108:3.8

Tra gli ordini spirituali superiori è molto difficile scoprire i meccanismi d’amministrazione. Il mio ordine di personalità, pur impegnato nel compimento dei nostri specifici doveri, sta senza dubbio collaborando inconsciamente con numerosi altri gruppi di sub-Deità personali ed impersonali, che stanno operando congiuntamente da agenti di collegamento nell’immenso universo. Noi sospettiamo di stare servendo in questo modo perché siamo il solo gruppo di creature personalizzate (all’infuori degli Aggiustatori Personalizzati) che sia uniformemente cosciente della presenza di numerosi ordini di entità prepersonali.

108:3.9

Noi siamo coscienti della presenza degli Aggiustatori, che sono frammenti della Deità prepersonale della Prima Sorgente e Centro. Sentiamo la presenza degli Spiriti Trinitari Ispirati, che sono espressioni superpersonali della Trinità del Paradiso. Individuiamo infallibilmente anche la presenza spirituale di certi ordini non rivelati originati dal Figlio Eterno e dallo Spirito Infinito, e non siamo del tutto insensibili anche ad altre entità che non vi sono rivelate.

108:3.10

I Melchizedek di Nebadon insegnano che i Messaggeri Solitari sono i coordinatori della personalità di queste varie influenze via via che sono registrate nella Deità in espansione dell’Essere Supremo evoluzionario. È molto probabile che noi partecipiamo all’unificazione esperienziale di molti dei fenomeni inspiegati del tempo, ma non siamo coscientemente certi di funzionare in questo modo.

4. Relazione con altre influenze spirituali

108:4.1

A parte una possibile coordinazione con altri frammenti della Deità, gli Aggiustatori sono completamente soli nella loro sfera d’attività nella mente dei mortali. I Monitori del Mistero dimostrano eloquentemente il fatto che, sebbene il Padre possa avere apparentemente rinunciato all’esercizio di ogni potere ed autorità personali diretti in tutto il grande universo, nonostante questo atto di abnegazione a favore dei Creatori Supremi figli delle Deità del Paradiso, il Padre si è certamente riservato il diritto incontestabile di essere presente nella mente e nell’anima delle sue creature in evoluzione allo scopo di poter attirare a sé tutti gli esseri creati, in coordinazione con la gravità spirituale dei Figli Paradisiaci. Il vostro Figlio Paradisiaco di conferimento, mentre era ancora su Urantia, disse: “Io, se sarò elevato, attirerò tutti gli uomini.” Questo potere d’attrazione spirituale dei Figli Paradisiaci e dei loro associati creativi noi lo riconosciamo e lo comprendiamo, ma non comprendiamo così pienamente i metodi del Padre infinitamente saggio quando opera in questi Monitori del Mistero che vivono e lavorano così valorosamente nella mente umana, ed attraverso di loro.

108:4.2

Queste presenze misteriose, pur non subordinate al lavoro dell’universo degli universi, né coordinate né apparentemente collegate con esso, e benché operanti indipendentemente nella mente dei figli degli uomini, spingono incessantemente le creature in cui dimorano verso ideali divini, attirandole sempre più in alto verso gli scopi e i disegni di una vita futura migliore. Questi Monitori del Mistero aiutano continuamente a stabilire il dominio spirituale di Micael in tutto l’universo di Nebadon, contribuendo misteriosamente alla stabilizzazione della sovranità degli Antichi dei Giorni in Orvonton. Gli Aggiustatori sono la volontà di Dio, e poiché i Creatori Supremi, figli di Dio, incorporano anch’essi personalmente la stessa volontà, è inevitabile che le azioni degli Aggiustatori e la sovranità dei sovrani dell’universo siano mutualmente interdipendenti. Benché apparentemente non connesse, la presenza del Padre negli Aggiustatori e la sovranità del Padre in Micael di Nebadon devono essere manifestazioni differenti della stessa divinità.

108:4.3

Gli Aggiustatori di Pensiero sembrano andare e venire del tutto indipendentemente da ogni altra presenza spirituale; essi sembrano operare secondo leggi universali totalmente differenti da quelle che governano e controllano le attività di tutte le altre influenze spirituali. Ma malgrado questa apparente indipendenza, un’osservazione prolungata rivela indiscutibilmente che essi operano nella mente umana in perfetta sincronia e coordinazione con tutti gli altri ministeri spirituali, inclusi gli spiriti aiutanti della mente, lo Spirito Santo, lo Spirito della Verità ed altre influenze.

108:4.4

Quando un mondo è isolato a seguito di una ribellione, quando un pianeta è tagliato fuori da tutti i circuiti di comunicazione esterna, come lo fu Urantia dopo la sollevazione di Caligastia, all’infuori dei messaggeri personali rimane soltanto una possibilità di comunicazione interplanetaria od universale diretta, ed è mediante il collegamento degli Aggiustatori delle sfere. Qualunque cosa accada su un mondo o in un universo, gli Aggiustatori non sono mai direttamente coinvolti. L’isolamento di un pianeta non riguarda in alcun modo gli Aggiustatori e la loro capacità di comunicare con qualunque parte dell’universo locale, del superuniverso o dell’universo centrale. Questa è la ragione per cui vengono così frequentemente stabiliti dei contatti con gli Aggiustatori supremi ed auto-operanti del corpo di riserva del destino sui mondi in quarantena. Si fa ricorso a questa tecnica come mezzo per superare gli handicap dell’isolamento planetario. In anni recenti ha funzionato su Urantia il circuito degli arcangeli, ma questo mezzo di comunicazione è strettamente limitato alle operazioni del corpo stesso degli arcangeli.

108:4.5

Noi siamo al corrente di molti fenomeni spirituali che si producono nell’immenso universo e che non riusciamo a comprendere totalmente. Non siamo ancora padroni di tutto ciò che accade attorno a noi; ed io credo che molto di questo lavoro insondabile sia compiuto dai Messaggeri di Gravità e da certi tipi di Monitori del Mistero. Io non credo che gli Aggiustatori si dedichino unicamente a rimodellare le menti umane. Sono persuaso che i Monitori Personalizzati ed altri ordini di spiriti prepersonali non rivelati rappresentino il contatto diretto ed inspiegato del Padre Universale con le creature dei mondi abitati.

5. La missione degli Aggiustatori

108:5.1

Gli Aggiustatori accettano un incarico difficile quando si offrono volontari per abitare degli esseri compositi come quelli che vivono su Urantia. Ma essi si sono assunti il compito di vivere nella vostra mente, di ricevervi le raccomandazioni delle intelligenze spirituali dei regni e poi d’impegnarsi a ridettare o a tradurre questi messaggi spirituali alla mente materiale; essi sono indispensabili per l’ascensione al Paradiso.

108:5.2

Ciò che l’Aggiustatore di Pensiero non può utilizzare nella vostra vita presente, quelle verità che non riesce a trasmettere all’uomo unito a lui, le conserverà fedelmente per utilizzarle nel vostro successivo stadio d’esistenza, come egli porta attualmente di cerchio in cerchio quegli elementi che non riesce ad incorporare nell’esperienza del suo soggetto umano a causa dell’incapacità, o della non riuscita, della creatura di fornire un grado sufficiente di cooperazione.

108:5.3

Di una cosa potete essere certi: gli Aggiustatori non perderanno mai niente di ciò che è affidato alle loro cure; noi non abbiamo mai saputo di mancanze di questi aiuti spirituali. Gli angeli ed altri tipi elevati di esseri spirituali, non eccettuato il tipo di Figli degli universi locali, possono occasionalmente abbracciare il male, possono talvolta deviare dalla via divina, ma gli Aggiustatori non vacillano mai. Essi sono assolutamente affidabili, e questo è ugualmente vero per tutti e sette i loro gruppi.

108:5.4

Il vostro Aggiustatore è il potenziale del vostro nuovo e prossimo ordine d’esistenza, il dono anticipato della vostra filiazione eterna con Dio. Mediante e con il consenso della vostra volontà, l’Aggiustatore ha il potere di sottomettere le tendenze di creatura della mente materiale all’azione trasformatrice delle motivazioni e dei propositi dell’anima morontiale emergente.

108:5.5

I Monitori del Mistero non aiutano a pensare; essi sono degli aggiustatori di pensiero. Essi lavorano con la mente materiale allo scopo di costruire, mediante l’aggiustamento e la spiritualizzazione, una nuova mente per i nuovi mondi ed il nuovo nome della vostra carriera futura. La loro missione concerne principalmente la vita futura, non questa vita. Essi sono chiamati aiuti celesti, non aiuti terrestri. Essi non cercano di rendere facile la carriera mortale; si occupano piuttosto di rendere la vostra vita ragionevolmente difficile ed accidentata, affinché le vostre decisioni siano stimolate e moltiplicate. La presenza di un grande Aggiustatore di Pensiero non dona facilità di vita e libertà dal pensare intensamente, ma questo dono divino dovrebbe conferire una sublime pace mentale ed una stupenda tranquillità di spirito.

108:5.6

Le vostre emozioni passeggere e sempre mutevoli di gioia e di tristezza sono per lo più delle reazioni puramente umane e materiali al vostro clima psichico interiore ed al vostro ambiente materiale esteriore. Non contate quindi sull’Aggiustatore per una consolazione egoista ed un conforto umano. Il compito dell’Aggiustatore è di prepararvi all’avventura eterna, di assicurare la vostra sopravvivenza. La missione del Monitore di Mistero non è di addolcire i vostri sentimenti d’irritazione o di curare il vostro orgoglio ferito; è la preparazione della vostra anima alla lunga carriera ascendente che impegna l’attenzione ed occupa il tempo dell’Aggiustatore.

108:5.7

Io dubito di essere capace di spiegarvi esattamente quello che fanno gli Aggiustatori nella vostra mente e per la vostra anima. Io non credo di conoscere pienamente quello che avviene veramente nell’associazione cosmica di un Monitore divino e di una mente umana. Ciò è tutto un po’ misterioso per noi, non quanto al piano ed al disegno, ma quanto al modo effettivo di compimento. Proprio per questo noi ci troviamo di fronte ad una difficoltà così grande nel dare un nome appropriato a questi doni celesti fatti agli uomini mortali.

108:5.8

Gli Aggiustatori di Pensiero vorrebbero cambiare i vostri sentimenti di paura in convinzioni d’amore e di fiducia; ma essi non possono farlo arbitrariamente e meccanicamente; ciò è compito vostro. Eseguendo quelle decisioni che vi liberano dalla schiavitù della paura, voi fornite letteralmente il fulcro fisico sul quale l’Aggiustatore può successivamente appoggiare una leva spirituale d’illuminazione che vi eleva e vi fa progredire.

108:5.9

Quando si giunge ai conflitti acuti e ben definiti tra le tendenze superiori e quelle inferiori delle razze, tra ciò che è realmente giusto o sbagliato (non semplicemente ciò che voi potete chiamare giusto e sbagliato), potete contare sul fatto che l’Aggiustatore parteciperà sempre in maniera definita ed attiva a queste esperienze. Il fatto che tale attività dell’Aggiustatore possa essere inconscia nel partner umano non sminuisce in alcun modo il suo valore e la sua realtà.

108:5.10

Se voi avete un guardiano personale del destino e non riuscite a sopravvivere, quell’angelo guardiano dovrà essere giudicato per ricevere giustificazione relativamente alla fedele esecuzione del suo incarico. Gli Aggiustatori di Pensiero invece non sono sottoposti a tale inchiesta quando i loro soggetti non riescono a sopravvivere. Noi tutti sappiamo che, mentre è possibile che un angelo possa non raggiungere la perfezione di ministero, gli Aggiustatori di Pensiero operano secondo la perfezione del Paradiso; il loro ministero è caratterizzato da una tecnica senza difetti che va oltre la possibilità di critica da parte di qualsiasi essere esterno a Divinington. Voi avete delle guide perfette; perciò la meta della perfezione è certamente raggiungibile.

6. Dio nell’uomo

108:6.1

È veramente una meraviglia di condiscendenza divina per degli Aggiustatori elevati e perfetti offrirsi per un’esistenza reale nella mente di creature materiali, quali i mortali di Urantia, per compiere veramente un’unione probatoria con degli esseri terrestri di origine animale.

108:6.2

Qualunque sia lo status precedente degli abitanti di un mondo, successivamente al conferimento di un Figlio divino e a quello dello Spirito della Verità a tutti gli umani, gli Aggiustatori si affollano su tale mondo per dimorare nella mente di tutte le creature normali dotate di volontà. Dopo il completamento della missione di un Figlio Paradisiaco di conferimento, questi Monitori diventano veramente il “regno dei cieli dentro di voi”. Con il conferimento dei doni divini il Padre si avvicina quanto più possibile al peccato e al male, perché è letteralmente vero che l’Aggiustatore deve coesistere nella mente mortale proprio in mezzo all’iniquità umana. Gli Aggiustatori interiori sono particolarmente tormentati dai pensieri puramente meschini ed egoisti; essi sono addolorati dall’irriverenza verso ciò che è bello e divino, e sono praticamente ostacolati nella loro opera da molte delle assurde paure animali ed ansietà infantili dell’uomo.

108:6.3

I Monitori del Mistero sono indubbiamente il conferimento del Padre Universale, il riflesso dell’immagine di Dio proiettata nell’universo. Un grande maestro avvertì un tempo gli uomini che dovevano rinnovarsi nello spirito della loro mente; che dovevano trasformarsi in uomini nuovi, simili a Dio, creati in rettitudine ed in completezza di verità. L’Aggiustatore è il marchio della divinità, la presenza di Dio. L’ “immagine di Dio” non si riferisce alla somiglianza fisica né ai limiti circoscritti delle doti materiali delle creature, ma piuttosto al dono della presenza spirituale del Padre Universale nel conferimento celeste degli Aggiustatori di Pensiero alle umili creature degli universi.

108:6.4

L’Aggiustatore è la sorgente della realizzazione spirituale e la speranza di un carattere divino in voi. Egli è il potere, il privilegio e la possibilità di sopravvivenza, che vi distinguono così pienamente ed eternamente dalle creature meramente animali. Egli è lo stimolo spirituale superiore e veramente interiore del pensiero, in contrasto con lo stimolo esterno e fisico che raggiunge la mente attraverso il meccanismo nervoso-energetico del corpo materiale.

108:6.5

Questi fedeli custodi della carriera futura duplicano infallibilmente ogni creazione mentale con una contropartita spirituale; lentamente e sicuramente essi vi ricreano quali siete realmente (soltanto spiritualmente) per la risurrezione sui mondi della sopravvivenza. Tutte queste squisite nuove creazioni spirituali sono preservate nella realtà emergente della vostra anima immortale in evoluzione, il vostro io morontiale. Queste realtà esistono effettivamente, nonostante che l’Aggiustatore sia raramente in grado di elevare queste riproduzioni a sufficienza da esporle alla luce della coscienza.

108:6.6

E come voi ne siete il genitore umano, così l’Aggiustatore è il genitore divino della vostra persona reale, del vostro io superiore in progresso, del vostro io morontiale migliore e del vostro io spirituale futuro. Ed è quest’anima morontiale in evoluzione che i giudici ed i censori discernono quando decretano la vostra sopravvivenza e vi elevano in nuovi mondi e nell’esistenza eterna in collegamento perpetuo con il vostro fedele partner—Dio, l’Aggiustatore.

108:6.7

Gli Aggiustatori sono gli antenati eterni, gli originari divini, delle vostre anime immortali in evoluzione; sono la spinta incessante che porta l’uomo a tentare di governare l’esistenza materiale presente alla luce della carriera spirituale futura. I Monitori sono i prigionieri di una speranza imperitura, le sorgenti di una progressione eterna. E quanto sono felici di comunicare con i loro soggetti attraverso canali più o meno diretti! Quanto godono quando possono fare a meno di simboli e di altri metodi indiretti per indirizzare come lampi i loro messaggi all’intelletto dei loro partner umani!

108:6.8

Voi umani avete dato avvio allo schiudersi interminabile di un panorama quasi infinito, un’espansione illimitata di sfere senza fine e sempre più vaste, che vi offrono delle opportunità di servizio stimolante, di avventure incomparabili, d’incertezze sublimi e di compimenti senza confini. Quando le nubi si addensano sopra di voi, la vostra fede dovrebbe accettare il fatto della presenza dell’Aggiustatore interiore, e voi dovreste quindi essere capaci di guardare oltre le nebbie dell’incertezza umana, nel bagliore scintillante del sole d’eterna rettitudine sulle altezze invitanti dei mondi delle dimore di Satania.

108:6.9

[Presentato da un Messaggero Solitario di Orvonton.]


◄ Fascicolo 107
Top
Fascicolo 109 ►
Il Libro di Urantia

Traduzione italiano © Fondazione Urantia. Tutti i diritti riservati.